cercare una donna Ritrovate a Napoli trentotto pagine inedite di Leopardi

bakeca incontri uomo torino NAPOLI – Trentotto pagine inedite di Giacomo Leopardi sono state ritrovate nel corpus di manoscritti conservato alla Biblioteca Nazionale di Napoli. A fare la grande scoperta sono stati gli studiosi Marcello Andria e Paola Zito che per anni hanno lavorato con altri colleghi alle carte del poeta di Recanati e, dopo una lunga indagine interpretativa, le pubblicheranno nel libro Leopardi bibliografo dell’antico (Aracne) che è stato presentato ieri nelle sale di Palazzo Reale, con contestuale esposizione dei preziosi documenti.

come chattare gratis Come riporta il Corriere della Sera, si tratta di un elenco di circa 557 annotazioni bibliografiche aggregate per lettera che testimoniano il grandissimo desiderio di conoscenza di un Leopardi all’epoca solo diciannovenne. Il poeta marchigiano apprese tali erudimenti nella biblioteca del padre Monaldo, facendo un elenco di tutti i testi che avrebbe voluto leggere, arricchendo spesso queste segnalazioni con commenti personali e critici, spesso perfino in latino.